Biologico

Con il termine “agricoltura biologica” Luca Leggero non vuole riferirsi solo a un metodo di coltivazione più pulito e sostenibile ma vuole indicare una precisa filosofia di vita.

Quando si parla di agricoltura, si parla di terreno, di piante, di acqua, di microrganismi: tutti elementi naturalmente e da sempre presenti nel suolo. Tuttavia, col tempo, l’intervento dell’uomo in questo sistema è cresciuto per assicurare produzioni più abbondanti e qualitative.

Il Rispetto per l’Ambiente

In questi ultimi cinquant’anni, soprattutto grazie alla meccanizzazione ed all’intervento della chimica, l’uomo ha alterato profondamente il naturale sviluppo delle coltivazioni andando a minare la struttura dell’intero ecosistema e l’equilibrio dei suoli.

La filosofia dell’azienda è quella di rispettare l’ambiente perché solo potendo disporre di un ambiente sano, vivo ed equilibrato si possono ottenere produzioni di uva di qualità superiore.

L’azienda nel corso degli anni, sulla base di questi concetti ha messo in pratica nuove strategie:

1.

Salvaguardia e recupero dei terreni sfruttati ed impoveriti tramite concimazioni esclusivamente organiche, utilizzo di microrganismi in grado di “riattivare” il suolo e semina interfila di varietà vegetali in grado di apportare naturalmente azoto e fertilità;

2.

Taglio dell’erba controllato e specifico per ogni momento dell’anno in modo da limitare il proliferare di patogeni e di gestire l’apporto idrico in base alle precipitazioni atmosferiche;

3.

Trattamenti fitosanitari in campo che puntano all’eliminazione dell’utilizzo del rame in favore di sostanze naturali o microorganismi adatti alla lotta biologica dei parassiti;

4.

Vinificazioni più attente e naturali volte ad esaltare le peculiari caratteristiche del territorio e dei suoli;

5.

Eliminazione di conservanti ed additivi durante la produzione del vino in cantina.

L’importanza dell’Uva

Per fare grandi vini occorre innanzitutto coltivare grandi uve: lavorare in campo, contribuire alla naturale fertilità dei suoli, coltivare sapientemente le proprie viti, rispettandole con potature poco invasive, permettendogli di difendersi dagli attacchi di parassiti e patogeni, garantendogli di portare a termine il percorso vegetativo con frutti non alterati da eccessivi trattamenti e dalle più elevate caratteristiche organolettiche.

Il segreto per un grande Vino

Portare in cantina uve buone e sane, non alterate da violenti trattamenti e vinificarle con attenzione, seguendo meticolosamente tutti i procedimenti, senza adulterarne le caratteristiche con la chimica: questo è per noi il segreto per ottenere grandi vini.

Ogni nostro vino racconta una storia molto complessa: la storia di chi l’ha prodotto, della sua dedizione e passione ma anche di un territorio e delle sue caratteristiche climatiche, che lo rendono unico e non riproducibile.

Il Canavese: Fertile e Ben Irrigato.